Era un randagio il cane ucciso oggi pomeriggio a Somma Vesuviana con tre colpi di fucile. Un cagnolino molto conosciuto tra i sommesi e che era conosciuto come Willy. A sparagli un 70enne del posto che si è giustificato dicendo che il fosse aggressivo, dunque di aver subito un attacco. I fatti in Via Tirone, dopo che il randagio avrebbe abbaiato, forse tentato di azzannare, la cagnetta dell’anziano. Fatto sta che l’uomo ha impugnato l’arma ed ha esploso i colpi contro il povero Willy.

Il cagnolino si è accasciato ed alcune persone hanno provato a soccorrerlo. Ma è morto pochi minuti dopo, in agonia per le pallottole nel corpo. La denuncia all’uomo è partita dei vicini di casa che hanno assistito all’orribile scena e hanno allertato i carabinieri. Sul posto sono così giunti i carabinieri della locale caserma e del nucleo radiomobile di Castello di Cisterna.