Home Notizie Il senatore anticamorra: “C’è un caso Brusciano, escalation del crimine e sindaco...

Il senatore anticamorra: “C’è un caso Brusciano, escalation del crimine e sindaco isolato”

“Ho sempre mantenuto una paura di questa pandemia. Non ne siamo usciti fuori, i dati dell’Iss sono preoccupanti e c’e’ questa variante che determina ospedali strapieni con l’eta’ che si abbassa. Dobbiamo metterci in sicurezza. Mi rendo conto dei numeri sulla poverta’ ma siamo sui 23mila contagi al giorno e supereremo la soglia delle 100mila vittime. Questi sono i dati, ne’ a Conte prima o Draghi ora ha fatto e fa piacere restringere le liberta’ individuali ma, e’ necessario”. Lo ha detto il senatore Sandro Ruotolo intervenendo nella trasmissione “Barba e capelli” condotta da Corrado Gabriele.

Il Caso Brusciano

Poi sul caso Brusciano e le minacce al sindaco il senatore ha sottolineato: “C’e’ un escalation. Un mese fa comitato ordine e sicurezza ad Arzano, un commissario prefettizio e’ stato minacciato – prosegue – Si tratta di una situazione molto preoccupante nella nostra provincia dove si sta riproducendo questo male nostro: la malavita organizzata. La storia di Brusciano mi ha colpito molto perche’ quando viene assegnata la protezione al sindaco la sua maggioranza si dimette. E’ una situazione estremamente pericolosa”. E poi ha concluso: “Ieri ho voluto incontrare il sindaco insieme ai parlamentari Gennaro Migliore e Paolo Siani. Il fatto che il primo cittadino non si debba occupare di camorra e’ grave. Nella nostra comunita’ c’e’ il mondo dell’associazionismo che e’ straordinario ed e’ fondamentale fare rete. Serve la magistratura con le sue indagini che hanno bisogno dei tempi ma sicuramente pure di una presenza come a Scampia 17 anni fa”.

Exit mobile version