Tragedia in una comunità di recupero: minorenne si toglie la vita. Il ragazzo di 16 anni, di Boscoreale, trovato impiccato nella comunità in via Ugo La Malfa a Villa di Briano, in provincia di Caserta. Il minorenne era collocato nella struttura dopo una rapina. Si tratta di V. A. (nella foto de Il Mattino) del Piano Napoli. Era accusato di una rapina a Scafati, e sospettato di un fatto simile a Pompei. Ha lasciato un biglietto alla mamma: «Scusami, ma io qui non ci volevo stare». Il corpo del ragazzo era in un bagno della struttura, e accanto c’era appunto il biglietto, in cui il minore preannunciava il suicidio.

Le indagini

Inutili i soccorsi del personale medico che non ha potuto fare altro che constatare l’avvenuto decesso. Indagano i carabinieri della Compagnia di Aversa, l’ipotesi del suicidio sembra la più plausibile. Intanto Il corpo del ragazzo è all’istituto di Medicina Legale di Caserta a disposizione dell’autorità giudiziaria. La Procura di Napoli Nord ha infatti disposto l’autopsia per fugare ogni dubbio sulla dinamica. Soltanto dopo l’esame autoptico la salma del giovane sarà restituita alla famiglia per consentire lo svolgimento dei funerali a Boscoreale.