In tanti hanno sperato per lei. È morta in ospedale al Cotugno a 61 anni. Era stata trasferita lì quando le sue condizioni si sono aggravate. Ester Longobardi (nella foto) non ce l’ha fatta. Ha combattuto tenacemente per settimane contro il virus. Prima ricoverata al Loreto Mare, poi al Cotugno dove i medici avevano dovuto intubarla per provare a salvarla. Insegnante amata dai suoi allievi. Appassionata della vita e della cultura. E soprattutto militante di sinistra, impegnata nelle battaglie per i diritti delle donne e per la crescita economica e culturale di chi sta peggio. Castellammare la piange.

Tanto il dolore per questa scia di morte lasciata dal virus, in una città ogni giorno più povera di contributi intellettuali e da oggi orfana di una donna sempre dalla parte giusta. Sono ormai più di 80 le vittime dell’epidemia, solo negli ultimi giorni morti altri due anziani. E la lista degli stabiesi scomparsi è sempre più lunga.