“Dal 19 al 26 marzo, sono stati effettuati 775 tamponi, di cui 167 risultati positivi. Sono state accertate 109 guarigioni. I concittadini positivi al virus sono, ad oggi, 298. Il rapporto percentuale di positività è pari al 19,13%. Tali dati impongono una attenzione massima, anche attraverso controlli severi da parte delle Forze dell’Ordine. Controlli che, in vero, più volte ho invocato”. A scriverlo sui social è il sindaco di San Giuseppe Vesuviano, Vincenzo Catapano, che aggiunge: ” Tuttavia è materialmente impossibile controllare ogni singolo passo di oltre 30.000 abitanti. Ragion per cui la differenza, in termini di eradicazione del virus, e tutela delle vite umane, potrà e dovrà essere segnata dai nostri comportamenti individuali”.

L’emergenza

La fascia tricolore continua: “Comportamenti che, più volte, ho riscontrato non essere conformi alle regole anti-contagio. Vi chiedo, per evitare ulteriori sofferenze e, purtroppo, ulteriori ricoveri e decessi, di aderire in maniera scrupolosa. Come noto, nei giorni scorsi finanche un nostro concittadino di soli 16 anni ha necessitato di essere ricoverato per cure ospedaliere. Questo virus colpisce ad ogni età. È ora che ciascuno si assuma la propria quota di responsabilità individuale, senza delegarla ai soli – e necessari controlli – che, pur intensificati e rafforzati, non potranno, da soli, eradicare un virus che continua a diffondersi sulle nostre gambe”.