Si e’ presentato all’ospedale di Giugliano con una ferita da arma da fuoco alla mani e la sua compagna ha raccontato ai medici che il fatto era avvenuto mentre erano appartati in campagna e che a far fuoco sarebbe stato un conoscente nel corso di una lite. Ma i medici non hanno creduto al racconto ed hanno chiamato i carabinieri. Gli investigatori hanno pero’ accertato che il ferimento sarebbe avvenuto, in modo accidentale, in una camera di un albergo della zona. Cosi’ per un 38enne del luogo e’ scattata la denuncia per detenzione illegale di arma comune da sparo e munizionamento.

La ricostruzione

Secondo gli investigatori i due hanno effettuato un check-in nella struttura ricettiva. E proprio nella camera i militari hanno rinvenuto una pistola revolver priva di matricola e sul pavimento un bossolo esploso, un’ogiva deformata e tracce di sangue. Le indagini dei Carabinieri, tuttora in corso, non escludono che la ferita sia frutto di un incidente causato dall’incauto utilizzo dell’arma.