Un pezzo di cornicione si è staccato nella notte da un edificio di proprietà della curia senza provocare feriti. Il cedimento, giunto dopo giorni di piogge incessanti, ha fatto cadere frammenti di notevoli dimensioni tra via Trinchera e via Santa Sofia, strade di piccole dimensioni e abitualmente molto trafficate: se si fosse verificato durante il giorno le conseguenze avrebbero potuto essere molto più gravi. Sono state chiuse al traffico le zone dove è avvenuto il crollo; sul posto i vigili del fuoco ed i tecnici della curia, per avviare la messa in sicurezza.

Le reazioni

“Si moltiplicano le segnalazioni di crolli e cedimenti legati al maltempo che sta funestando la nostra regione con piogge e forti raffiche di vento. Tragedia sfiorata a piazza Fuga dove il cedimento di parte del cornicione di un palazzo ha causato il ferimento di un passante colpito da alcune pietre ad una spalla. Episodio analogo questa mattina a via Tanucci dove grosse pietre si sono staccate dalla facciata di un edificio abbattendosi al suolo. Fortuna ha voluto che non ci fossero passanti in quel momento. Così come a via Trinchera dove grossi pezzi di intonaco si sono staccati da un palazzo di proprietà della Curia. In via Diocleziano il vento ha tirato giù un grosso cartellone pubblicitario che si è andato ad abbattere sul marciapiede. Anche in questo caso la buona sorte ha evitato conseguenze drammatiche. Tutti episodi che dimostrano come i comuni debbano attrezzarsi sempre più per eventi atmosferici straordinari”.

Programmazione

“Bisogna programmare la verifica periodica della stabilità della cartellonistica stradale e pubblicitaria e imporre ai condomini quella altrettanto periodica dei cornicioni. Non è più il caso di sfidare la sorte oltremodo. Dobbiamo evitare nuovi tragici eventi che hanno visto passanti, automobilisti e motociclisti perdere la vita solo perché hanno avuto la sventura di trovarsi al posto sbagliato nel momento sbagliato”. Queste le parole del consigliere regionale di Europa Verde, Francesco Emilio Borrelli.