Home Benessere e crescita personale Il preparatore atletico nel Calcio moderno

Il preparatore atletico nel Calcio moderno

Ritorna la nostra rubrica sulla preparazione atletica nel calcio con un articolo del Prof. Marcello Tirrito professionista del settore e divulgatore scientifico.

La figura del preparatore atletico, interpretazione morale.

Il calciatore moderno, è una delle figure atletiche in via di sviluppo.Con ciò intendo , che l’atleta in questione, in relazione al modello di gioco, deve assumere nel suo corredo atletico diverse capacità motorie di performance.Ecco che tutti gli staff delle squadre si ingegnano per sviluppare i potenziali motori dei propri atleti, attraverso ottime pianificazioni, programmazioni e gestione del carico di allenamento.

Appunto il carico di allenamento è il focus per ottenere risultati efficaci ed efficienti.Manca qualcosa? In teoria no, anzi, diciamo che il corredo atletico è presto fatto, ma secondo me, possiamo sempre migliorare attraverso espressioni di allenamento che spesso vengono accantonate.

Albert Einstein disse: “Siamo tutti dei geni, ma se giudichi un pesce dalla sua capacità di arrampicarsi sugli alberi, vivrai la vita a pensare di essere stupido”.

Ma il sistema allenamento vuole dei pesci che si arrampicano?

I giocatori/atleti si immedesimano a volte in pesci, nuotando controcorrente in camp, mai scoprendo le loro capacità, credendo di essere stupidi od inutili.
Alcune tecniche di allenamento sono sorpassate e sopravvissute per troppo tempo.Praticamente per molti anni non è cambiato molto.

Tuttavia stiamo preparando i nostri atleti al futuro od al passato?

Non abbiamo bisogno di creare dei calciatori “robot” che eseguono il compito e basta.

Con questo non voglio dire che i preparatori atletici siano i peggiori, anzi.Il lavoro del preparatore atletico è il più importante del mondo, purtroppo sotto pagato, ahimè!Voglio dire, in tutta onestà che i preparatori atletici dovrebbero guadagnare di più.A volte siamo eroi accusati, ma non siamo noi il problema, viviamo in un sistema dove non ci sono diritti e scelte.

Detto ciò, si lega il forte obiettivo che è fortemente condivisibile, dell’individualizzazione dell’allenamento calcistico.Ogni giocatore dovrebbe essere l’obiettivo di ogni preparatore atletico per tirare fuori da ognuno di loro massimo impegno.Insegnare agli atleti ad sviluppare il loro potenziale motorio massimo in ogni condizione.Prendersi cura individualmente, credo sia il passo più importante che possa fare il sistema allenamento. Questo è il mondo in cui credo, un mondo dove i pesci non sono costretti ad arrampicarsi sugli alberi.

Exit mobile version