In dieci mesi (da febbraio a novembre 2020) hanno realizzato 6.200 visite presso i propri studi (2 visite al mese) solo per gestire l’ansia e l’angoscia di bambini costretti a casa per le misure anti Covid. Sono 330.000, tra Napoli e provincia. I piccoli pazienti che i circa 340 pediatri napoletani della Federazione Italiana Medici Pediatri hanno seguito, realizzando il primo studio sull’infezione da Sars-CoV-2 in eta’ pediatrica su Napoli e provincia con una casistica cosi’ ampia. Una fotografia che svela il dramma del disagio. Ma anche le difficolta’ pratiche e soprattutto la capacita’ del Covid di attaccare anche i piu’ piccoli entrando poi nelle famiglie.

I pediatri

“Noi pediatri di famiglia impegnati sul territorio – spiega il vice presidente nazionale FIMP Antonio D’Avino – ci siamo confrontati con una realta’ di difficile gestione, che da un lato ha previsto la messa in atto di una complessa attivita’ di prevenzione e contenimento della diffusione della pandemia, dall’altro l’attenta osservazione di pazienti contatti familiari e scolastici di positivi e di pazienti positivi”. Ed e’ da questo lavoro fatto sul campo che emerge lo studio che presto sara’ pubblicato. Su 330.000 bambini, 29.600 sono analizzati come casi sospetti ; e i casi positivi di Covid 19 sono 5.900 (il 19,9%) testati tutti con tampone esaminato attraverso PCR Real Time.