Home Articoli in Evidenza Covid, individuati in Campania 145 comuni ad alto rischio: numerosi quelli vesuviani

Covid, individuati in Campania 145 comuni ad alto rischio: numerosi quelli vesuviani

I comuni individuati in Campania, come ad alto rischio, per l’aumento dei contagi, sono 145. Sono indicati nella relazione diffusa dall’Unità di crisi regionale, in base ai dati raccolti tra l’1 e il 7 febbraio. Tra i 145 comuni, che superano la soglia di criticità sulla base del modello adottato dall’Unità di crisi, non è presente Napoli. Il modello tiene si basa sulla percentuale di positività media, su scala regionale (9,52%), ponendo il limite a 160 casi di contagio su 100mila abitanti, come soglia oltre la quale si suggerisce ai sindaci “di adottare le dovute contromisure”.

L’elenco

Tra i comuni ad alto rischio c’è Giano Vetusto (Caserta), piccola cittadina di 651 abitanti, dove si contano 17 positivi su 48 tamponi, con una percentuale dei contagiati pari al 35,41% e un’incidenza del +1635% rispetto alla media regionale. Ci sono anche grandi comuni, come Torre Annunziata, Castellammare di Stabia, Pompei, Salerno e Torre del Greco. Nel comune oplontino la percentuale di positività è del 21,4%, con una differenza del 539% su scala regionale.

Tutti gli altri

Visciano, Avella, Cervino, Sant’Egidio del Monte Albino, San Prisco, Massa Lubrense, San Marco Evangelista, Sparanise, Torre Annunziata, Eboli, Atripalda, Casapulla, Santa Maria La Carità, Marigliano, San Marzano sul Sarno, Boscotrecase, Meta, Montesarchio, Villa Literno, Torre del Greco, Poggiomarino, Pimonte, Gragnano, Portici, Massa di Somma, Scafati, Somma Vesuviana, Pompei, Castellammare di Stabia e Qualiano.

Exit mobile version