A causa di un crollo emotivo è ricoverata nell’ospedale di Sessa Aurunca la mamma del bimbo di due anni morto nei giorni scorsi a Castel Volturno. Secondo le accuse dopo i maltrattamenti subiti per mano del compagno della donna, il nigeriano Omar Khalifa, di 26 anni. L’uomo, difeso dall’avvocato Felice Belluomo, comparira’ domani per la convalida del fermo disposto dalla Procura davanti al giudice per le indagini preliminari di Santa Maria Capua Vetere. L’accusa è di aver maltrattato e ucciso il piccolo affidato dalla madre che doveva recarsi a lavoro. L’incontro avverra’ nel carcere di Santa Maria Capua Vetere dov’e’ detenuto dal giorno del delitto con l’accusa di omicidio e maltrattamenti.

L’indagine

Oggi il sostituto di Santa Maria Capua Vetere Simona Faga conferira’ anche l’incarico per l’esame autoptico sul corpo del bimbo. L’ipotesi degli inquirenti e’ che Khalifa possa aver usato le mani e degli oggetti contundenti per colpire il piccolo. L’autopsia sara’ determinante per ricostruire cosa e’ accaduto nell’abitazione di via Boccaccio a Castel Volturno. Qui il nigeriano conviveva da qualche tempo con la 29enne liberiana e il piccolo di due anni.