Un terremoto di magnitudo 1.2 della scala Richter, ad un chilometro di profondità, è stato registrato dall’Osservatorio vesuviano, sede locale dell’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia, nella zona flegrea alle porte di Napoli, nel comune di Pozzuoli, alle 15.47. L’anno è cominciato così come era terminato il 2020. Nell’area della Solfatara sono quasi 100 i terremoti dello scorso anno.

I precedenti

Gli ultimi episodi sabato scorso: uno sciame sismico cominciato alle 10 del mattino, con una scossa di magnitudo 1, a 1,3 chilometri di profondità; seguita venti secondi dopo da una seconda scossa di magnitudo 0,3 con 800 metri di profondità. La più forte, avvertita anche a Napoli, nella zona flegrea di Bagnoli avvenne alle 10.18, di magnitudo 1,7, a 600 metri di profondità.