Home Cronaca Soldi per auto mai consegnate: sequestrati 500mila euro a concessionario in Campania

Soldi per auto mai consegnate: sequestrati 500mila euro a concessionario in Campania

Proponeva auto di importazione a prezzi vantaggiosi, chiedendo da subito anticipi cospicui, senza però mai consegnare la vettura. La Guardia di Finanza ha eseguito un sequestro di beni nei confronti di G.S., 38enne di Eboli, fino alla concorrenza della somma di 530mila euro. Nei confronti dell’uomo, già indagato dalla Procura di Salerno e condannato per truffa, sono risultate decine di denunce di clienti che hanno anticipato in tutto o in parte il corrispettivo convenuto, senza però entrare in possesso della vettura. Le indagini delle Fiamme Gialle sono avviate in seguito all’esposto di una donna che ha riferito di aver consegnato all’uomo contanti per circa 1.000 euro. Soldi a titolo di acconto per l’acquisto di un’utilitaria che sarebbe dovuta arrivare dall’estero.

Le vittime della truffa

Anche dopo i ripetuti solleciti, non era riuscita a farsi consegnare l’auto, né tanto meno a farsi restituire il denaro anticipato. Effettuati i primi approfondimenti, sono emersi una trentina di episodi analoghi. In un caso si è addirittura configurata una vera e propria estorsione ai danni di un cliente che, dopo aver pattuito il corrispettivo di 43mila euro per l’acquisto di una Range Rover Sport, è arrivato a consegnare alla fine, in più tranches, un totale di 60mila euro. Ogni volta dietro la minaccia di perdere definitivamente le somme che aveva nel frattempo anticipato.

I conti

L’esame degli estratti conto bancari e degli altri documenti acquisiti nel corso delle indagini hanno consentito infatti di ricostruire in circa 900mila euro il volume dei corrispettivi percepiti nell’arco di 3 anni, dal 2016 al 2019, compresi quelli delle truffe denunciate, a fronte dei quali non è presentata alcuna dichiarazione fiscale. Sono stati sottoposti a vincolo cautelare due immobili, due terreni agricoli, disponibilità finanziarie e 40 autovetture ancora in possesso dell’indagato.

Exit mobile version