In Campania gli studenti delle scuole medie e delle scuole superiori torneranno in classe entro il primo febbraio. Ma nella percentuale che stabilirà la Regione ma che dovrà essere compresa tra il 50 e il 75%, così come previsto dal Dpcm del 16 gennaio scorso che vede la Campania in zona gialla. A stabilirlo un provvedimento della quinta sezione del Tar della Campania. Accolto il ricorso presentato da alcuni genitori contro le ordinanze firmate dal governatore campano, Vincenzo De Luca. Decisioni che, di fatto, hanno bloccato le attività didattiche in presenza consentendo la Dad.

Trasporti

Il pronunciamento del tribunale amministrativo si riferisce anche alle misure di rafforzamento dei trasporti, così come gestito dai tavoli svolti con il coordinamento delle prefetture nelle scorse settimane. La camera di consiglio per la trattazione collegiale è stata fissata per il 16 febbraio. In Campania, da questa settimana, sono rientrati in aula gli alunni delle scuole elementari: in un primo momento soltanto quelli della seconda e terza classe e poi anche quelli di quarta e di quinta, a partire dalla giornata di ieri. I bambini della prima elementare avevano già ripreso le lezioni in classe lo scorso mese di dicembre.