La didattica in presenza non sia superiore al 50 per cento, assicurando al resto della classe – in particolare agli alunni i cui genitori ne facciano espressa richiesta – un collegamento on line per le lezioni, preferibilmente in sincrono. E’ la “raccomandazione” che il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca rivolge ai dirigenti scolastici. “In un contesto nel quale sono ancora molto gravi i rischi di un aumento dei contagi connessi alla ripresa delle attivita’ scolastiche in presenza nelle scuole secondarie di secondo grado”, prevista da lunedi’ prossimo. De Luca invoca “misure massimamente prudenziali nella organizzazione delle attivita’ scolastiche. Per scongiurare rischi connessi ad assembramenti, in aula e nei contesti di prossimita’ delle scuole”.

Gli ingressi

Quanto agli orari di ingresso degli alunni, il governatore invita a non differenziarli. “Assicurando piuttosto il rispetto dei limiti percentuali di presenza in aula degli alunni attraverso forme di rotazione”. Cio’ per venire incontro alle famiglie che avrebbero difficolta’ nel gestire arrivi scaglionati in classe da parte di piu’ figli.

L’Unità di Crisi

Il governatore ricorda che la situazione pandemica resta grave. “Nell’odierna riunione con l’Unita’ di Crisi regionale e’ stato rappresentato che, in concomitanza con la ripresa in presenza delle attivita’ didattiche della scuola primaria e della scuola secondaria di primo grado sono stati rilevati, nella settimana scorsa ed in quella in corso, plurimi casi di contagi in ambito scolastico, anche riferiti ad intere classi, nonche’ diffuse situazioni di assembramento nei pressi degli istituti scolastici, pericolosi per il rischio di contagi connesso al mancato rispetto della distanza interpersonale di sicurezza”; il tutto mentre si assiste a “un trend in aumento del numero dei contagi e dei ricoveri di degenza Covid-19”.