Home Cronaca Prese i soldi del clan: giustiziato con 13 colpi. Arrestati i killer...

Prese i soldi del clan: giustiziato con 13 colpi. Arrestati i killer di camorra

Aveva trattenuto per sè una parte dei soldi delle estorsioni del clan dei Casalesi. Per questo lo uccisero. A distanza di 11 anni carabinieri e magistratura hanno individuato i responsabili dell’esecuzione di Crescenzo Laiso avvenuta nell’aprile del 2010 a Villa Literno.

I nomi

Nella provincia di Caserta nonché presso le Case Circondariali di Saluzzo  e Sulmona, i Carabinieri del Nucleo Investigativo di Caserta hanno eseguito un’ordinanza di custodia cautelare, emessa dal Tribunale del riesame di Napoli, a seguito di ricorso della Direzione Distrettuale Antimafia partenopea, nei confronti di quattro persone ritenute, a vario titolo, responsabili di associazione di tipo mafioso (clan dei Casalesi – fazione Schiavone) e dell’ omicidio di LAISO Crescenzo, classe 1979, avvenuto in Villa di Briano nel pomeriggio del 20 aprile 2010.

Gli autori del delitto

La misura cautelare colpisce elementi di spicco del clan dei Casalesi, tra i quali IAVARAZZO Mario (attualmente collaboratore di giustizia), PONTICELLI Mirko, DELLA CORTE Nicola e CACCIAPUOTI Bartolomeo gravemente indiziati, a vario titolo, dell’omicidio di LAISO Crescenzo. La vittima freddata dai suoi assassini mentre era alla guida di una Smart in via Castagna del Comune di Villa di Briano. Nella circostanza cercò di sottrarsi al fuoco dei killer, sopraggiunti a bordo di una motocicletta, abbandonando l’auto e scappando a piedi. Ma a raggiungerlo una raffica di proiettili che non gli lasciò scampo. Dall’esame autoptico emerse che la vittima era stata attinta da ben 13 colpi di arma da fuoco.

Posting....
Exit mobile version