Pedinamenti, incursioni in casa e molestie telefoniche. Così un uomo accecato dalla gelosia ha iniziato a perseguitare l’ex moglie. Nel pomeriggio di ieri la donna, residente in un piccolo centro della provincia di Avellino, ha contattato i Carabinieri telefonando al 112. Ha riferito che l’ex coniuge la stava inseguendo in auto. I militari in servizio alla Centrale operativa hanno quindi attivato le pattuglie in servizio in quell’area. E hanno al contempo istruito con precise indicazioni telefoniche la donna circa le strade da percorrere, facendo sì che la corsa delle auto portasse i due dai Carabinieri.

I fatti

I militari hanno quindi accompagnato la coppia negli uffici del Comando provinciale. Qui la donna ha coraggiosamente ricostruito tutte le persecuzioni costretta a subire dal marito, sporgendo una dettagliata e accorata denuncia. I Carabinieri hanno accertato la veridicità dei fatti ricostruendo date, luoghi e modalità esecutive con cui si erano materializzate le singole condotte persecutorie. L’uomo, che anche davanti ai militari aveva continuato nelle minacce, è stato dichiarato in arresto. I reati sono lesioni, minacce e atti persecutori e, su disposizione della Procura di Avellino, è ora nel carcere di Bellizzi Irpino.