Rintracciato e sanzionato il motociclista che si divertiva a sfrecciare con la sua moto da cross nel cuore del Parco Nazionale del Vesuvio. Il centauro si divertiva in barba alle regole del Dpcm contro la diffusione della pandemia. Alcune settimane fa, i Carabinieri Forestali del Reparto Parco Nazionale del Vesuvio – nello specifico del comando stazione di Ottaviano – hanno confiscato al proprietario la moto da cross incriminata. Il responsabile individuato a novembre e inseguito, riuscì a sfuggire alla legge scappando a piedi e abbandonando il mezzo. Ne sono conseguite indagini che hanno consentito di risalire al motociclista che, a questo punto non ha potuto più sottrarsi alle sanzioni previste ed alla denuncia.

Il presidente del Parco

«Dopo quell’evento di novembre – ha spiegato il presidente dell’ente Parco Nazionale del Vesuvio, Agostino Casillo – avevo chiesto uno sforzo in più di controllo del territorio. Devo ringraziare fortemente tutti gli uomini e le donne dei carabinieri forestali. Con grande senso dello Stato hanno fatto l’impossibile per raggiungere questo obiettivo. Vi chiedo – ha concluso – di aiutarmi a diffondere questa notizia affinché funzioni da deterrente per coloro che pensano che nella nostra area protetta si possano violare la legge indisturbati».