«La variante sudafricana mostra un’enorme resistenza agli anticorpi del virus originale». Lo scrive CBS News, lanciando l’ennesimo allarme sulle mutazioni che continuano a fare la loro comparsa. La corsa per vaccinare le persone contro il Covid è stata resa «ancora più urgente dall’emergenza di nuove e più contagiose varianti del coronavirus». CBS News ha avuto accesso a un laboratorio in Sud Africa che studia uno dei nuovi ceppi più preoccupanti del virus. E sembra avere una certa resistenza agli anticorpi che i vaccini creano nel corpo umano per respingere il coronavirus. I cacciatori di virus nel laboratorio ad alto rischio biologico a Durban sono sulle tracce del ceppo mutante che si sta diffondendo a una velocità vertiginosa in tutto il Sud Africa. Il virus è mutato per attaccarsi più facilmente alle cellule umane, rendendo la malattia non più mortale, ma aiutandola a diffondersi molto più facilmente.

Il ceppo originale

«Crediamo che stiamo attraversando una nuova pandemia con questa variante che non solo trasmette molto più velocemente, ma che potenzialmente ha anche una minore neutralizzazione», dice lo scienziato genetico Tulio de Oliveira alla CBS. De Oliveira ha scoperto la nuova variante dopo aver osservato un drammatico aumento delle infezioni, già a novembre. I suoi colleghi nel laboratorio altamente protetto hanno sviluppato una cultura dal vivo del ceppo per accelerare la loro ricerca. Alex Sigal è un ricercatore senior presso l’Africa Health Research Institute e presso il Max Planck Institute for Infection Biology in Germania. Dice che il nuovo ceppo scoperto in Sud Africa sembra avere la capacità di «ridurre significativamente l’efficacia degli anticorpi» nelle persone infettate dalla versione originale del virus. Il che significa che le difese naturali di una persona al ceppo originale del virus potrebbero rivelarsi inutili contro la variante in Sud Africa.