Renato Russo (nella foto di Stylo24), 54 anni di Napoli, è morto nell’infermeria del carcere di Santa Maria Capua Vetere. Ne dà notizia il garante campano dei detenuti Samuele Ciambriello, aggiungendo che il cadavere dell’uomo è all’ospedale di Caserta per l’autopsia.

Il garante

“Chiedo giustizia e verità. Per due volte il magistrato competente – spiega – pur essendo Russo cardiopatico e malato, gli ha rifiutato gli arresti domiciliari. Non si può morire in carcere e di carcere. Chi ha sbagliato – aggiunge Ciambriello – deve pagare il suo debito non a prezzo della sua vita. La giustizia è in agonia. Ci vorrebbe un picconatore. Ma quando la politica riprenderà in mano i suoi poteri e i suoi doveri? Adesso è cinica e pavida” conclude.