I concessionari auto potranno, a partire dalle 10 di domani accedere sulla piattaforma ecobonus.mise.gov.it per inserire le prenotazioni del contributo per veicoli M1. La possibilità, come ha ricordato recentemente il Ministero dello Sviluppo economico fa seguito alla disponibilità, a partire dallo scorso primo gennaio di oltre 700 milioni di euro per i cittadini. Soldi finalizzati all’acquisto di veicoli a basse emissioni relativi sia alle categorie dei motocicli L1 (in pratica i motorini con cilindrata non superiore ai 50 cc). E delle auto M1 (con al massimo 8 posti a sedere). Sia alla nuova categoria dei veicoli commerciali leggeri di categoria N1.

Il fondo

È invece già possibile prenotare i contributi per la categoria L. Ai contributi già previsti dalla legge di Bilancio 2019 e dai successivi dl Rilancio 2020 e dl Agosto 2020, ha spiegato il Mise, si aggiungono ulteriori risorse. Tutto stanziato per il fondo automotive con la legge di Bilancio 2021. In particolare, i contributi concessi per le fasce di emissioni 0-20 g/km e 21-60 g/km sono rifinanziati con ulteriori 120 milioni di euro per tutto il 2021. Portando l’ammontare attuale a 390 milioni di euro, essendo 270 milioni già stanziati. A queste risorse potranno aggiungersi i residui degli anni precedenti. Questa la suddivisione degli incentivi: 0-20 g/km: 6.000 euro con rottamazione e 4.000 senza rottamazione; 21-60 g/km: 2.500 euro con rottamazione e 1.500 senza rottamazione.