Uno scontro violento tra due detenuti nel carcere di Avellino sedato dal provvidenziale intervento degli agenti di Polizia Penitenziaria in servizio la notte di Capodanno. Lo rende noto Donato Capece, segretario nazionale del sindacato autonomo Sappe. I due detenuti di origine calabresi, reclusi nella stessa casella del reparto di alta sicurezza, poco dopo la mezzanotte si sono affrontati senza esclusione di colpi.

La Penitenziaria

Sono intervenuti gli agenti in servizio che hanno diviso i due contendenti. A cause delle ferite e fratture riportate, uno dei detenuti si trova all’ospedale “Moscati” di Avellino con una prognosi di trenta giorni, dunque rissa violenta.