“Se mi vieni addosso ti sparo” , queste sono state le parole che inizialmente si è sentito dire l’autista soccorritore della postazione 118 Annunziata ,da 4 energumeni in una autovettura, mentre trasportava un paziente in ospedale. Il tutto è nato per una questione di precedenza tra il mezzo di soccorso e una autovettura a Corso Garibaldi altezza piazza Guglielmo Pepe a Napoli. Dalle minacce e gli insulti si è passato ai fatti, la vettura ha inseguito l’ambulanza, la ha sorpassata e le ha tagliato la strada costringendola a fermarsi.
Due pugni in pieno volto per il povero autista con copiosa fuoriuscita di sangue e rottura del setto nasale. L’equipaggio è riuscito a scattare la foto del veicolo degli aggressori.
Non essendoci altri mezzi di soccorso disponibili per il trasferimento del paziente su altra ambulanza, l’autista, con il sangue fresco ancora sul volto, ha portato a termine il servizio.
L’ambulanza era una di quelle sfornita di telecamere e purtroppo, visto che la targa in foto è poco leggibile, difficilmente sarà possibile risalire all’aggressore.