L’altra notte i ladri hanno causato una devastazione nel chiostro del ‘400 di Sant’Angelo in Palco a Nola portando via l’antica pavimentazione e distruggendo tutto. Non è la prima volta che qualcuno si introduce nel chiostro per rubare. Si tratta dei cosiddetti “ladri d’arte” che agiscono su commissione. Lo scorso 11 dicembre lo storico complesso monumentale di Nola è stato di nuovo violato e trafugato, i ladri hanno devastato alcuni altari del chiostro, staccandone marmi e stucchi, smontato una fontana del ’600 e divelto la pavimentazione di maioliche in chiesa. Sono molteplici gli attacchi subiti da questo luogo, complice anche lo stato di abbandono in cui versa da anni.
I cittadini ed i fedeli sono chiaramente su tutte le furie: “Abbiamo inviato una nota alle autorità civili ed ecclesiastiche nolane per chiedere i motivi per cui non si è ancora agito per proteggere e ridare decoro e dignità ad un luogo di tale interesse storico-culturale”.