La mareggiata di stanotte, con l’acqua che ha invaso il lungomare di Napoli, tra via Partenope, Piazza Vittoria e via Caracciolo, ha provocato gravi danni a tutte le attività commerciali della zona. Danni specie ai ristoranti, ai quali la violenza dell’acqua ha distrutto tutti i dehors, devastando anche l’interno di diversi locali. A causa del maltempo gravi i danni anche in altre attività anche in altre zone della regione. Questa mattina il presidente di Confesercenti Campania Vincenzo Schiavo ha inviato una lettera alla Regione Campania. All’interno richieste di interventi urgenti e di dichiarazione di “stato di calamità naturale”.

Il bilancio

“L’ondata di maltempo che ha colpito la nostra regione nella giornata di ieri ha provocato ingenti danni alle strutture commerciali e agli stabilimenti balneari. Ecco il testo della missiva di Schiavo. In considerazione della gravità delle mareggiate, a cui bisogna aggiungere la nota situazione di emergenza creata dalla pandemia in atto da mesi. Oltre decreti e ordinanze che costringono le medesime attività ad operare in situazioni di gravissima difficoltà, chiediamo che l’amministrazione regionale metta in atto tutte le procedure utili. In primis la richiesta di dichiarazione di stato di calamità ma anche forme di sostegno diretto, a dare aiuto alle attività economiche così gravemente colpite”.