“La Campania non cambia colore, rimane come è adesso: arancione. Fino al 24 , poi si adottano le misure anti-Covid nazionali”. Così, a margine di una iniziativa a Pompei, il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, in riferimento al passaggio della regione, a partire da domani, in fascia gialla. Scade infatti, e non sarà rinnovata, l’ordinanza del ministro Speranza che l’aveva classificata in un’area di rischio più elevata. De Luca non ha aggiunto altri particolari.

Il governatore a Pompei

Il governatore della Campania, Vincenzo De Luca, annuncia anche un’ordinanza regionale che vieterà la vendita di alcolici dopo le ore 23 e altre restrizioni. A margine di una iniziativa a Pompei ha chiesto ai cittadini: “datemi una mano per uscire a testa alta da questa seconda ondata, stiamo già uscendo prima e meglio rispetto alle altre regioni, ma in questa fase dobbiamo essere più prudenti, perché, rispetto agli altri, la Campania ha una densità di popolazione più elevata e per questo basta pochissimo per perdere questo attuale vantaggio. Questo sarà un Natale, dobbiamo tutelare la salute dei nostri figli e degli anziani”.

L’ordinanza

La Campania rimane cosi’ com’e’, si confermano le limitazioni previste dalla zona arancione. Nell’ordinanza in preparazione, e che sara’ firmata entro oggi dal presidente Vincenzo De Luca, saranno previste misure di prevenzione e contenimento del contagio da Covid-19. Scattera’ – si precisa – il divieto per i bar e gli altri esercizi di ristorazione, dalle ore 11 del mattino, di vendita con asporto di bevande alcoliche e non alcoliche.