Sequestro di 15 immobili, di cui due abitazioni una in provincia di Pescara e l’altra a Cassino, 7 terreni e un’area urbana edificabile nel cassinate. Ad eseguirli d’Antimafia ed i carabinieri. A questi beni si aggiungono una società attiva nel commercio e nel noleggio di automobili, motocicli e veicoli industriali, nuovi e usati. E ancora 16 rapporti finanziari accesi presso istituti di credito o postali compresi conti di deposito e correnti e linee di finanziamento, oltre a numerose autovetture. Veicoli di fatto intestati a una societa’, ma nella disponibilita’ dei sette soggetti coinvolti nell’inchiesta e appartenenti a un nucleo familiare di etnia rom casertano, stanziato nel basso Lazio. Il valore complessivo dei beni sequestrati e’ di oltre 2 milioni di euro.

Chi sono

Le misure di prevenzione personali e patrimoniali sono state rivolte a sette persone appartenenti alle famiglie Morelli-Spada. Si tratta di quattro uomini e tre donne: M.A. (51enne), nato nel casertano; M.I. (34enne), nata nel casertano; M.G. (32enne), nato nel casertano; M.A. (23enne), nato nel casertano; S.M. (51enne), nata nel casertano; S.F. (38enne), nato nella zona pontina; P.V. (27enne), nata nel frusinate. A carico dei soggetti, appartenenti alle famiglie Morelli-Spada, è individuato un contesto associativo dedito allo spaccio di stupefacenti, all’usura, alle estorsioni e all’intestazione fittizia di beni.