Due bar e un centro estetico multati nell’ambito dei controlli dei Carabinieri impegnati nella verifica del rispetto delle norme anti Covid nel Napoletano. A Giugliano in Campania, i militari della locale stazione hanno sanzionato amministrativamente una 45enne di origini cinesi, titolare di un centro massaggi di via San Francesco a Patria. L’esercizio, era aperto e in piena attività, in violazione della normativa vigente che prevede la sospensione delle attività di estetista e centro massaggi. All’interno del negozio vi era anche un cliente italiano, anch’egli multato. Nei confronti dell’attività è stata intimata la chiusura temporanea per 5 giorni.

Nel quartiere napoletano di Chiaiano, i carabinieri della stazione di Marianella hanno denunciato un 30enne, titolare di un bar di via Santa Maria a Cubito. Secondo quanto accertato l’attività non rispettava i protocolli di sicurezza degli ambienti di lavoro: omessa la formazione dei dipendenti in materia di salute e sicurezza e non esibita preventiva sorveglianza sanitaria per ciascun lavoratore. All’interno del bar sono stati sorpresi due clienti che consumavano al bancone: anche loro sono stati sanzionati. Sono state elevate sanzioni che vanno oltre i 37mila euro. Infine, a Casoria, i Carabinieri hanno multato il titolare di un bar in attività all’interno di un centro commerciale di sulla Strada statale Sannitica. Il bar era aperto oltre l’orario consentito e aveva poco prima ospitato una festa privata. All’arrivo dei militari, tra i tavoli abbandonati in fretta dai partecipanti e apparecchiati con bicchieri ancora pieni di cocktail, un cliente consumava il caffè. Anche lui è stato sanzionato. Il bar è stato chiuso per 5 giorni.