Circa 3mila dosi del vaccino Pfizer-BioNTech sono già negli hub dell’Asl Napoli 3 Sud. La seconda consegna è prevista per il 5-6 gennaio 2021. In totale saranno circa 15mila le dosi che arriveranno nelle strutture dell’azienda sanitaria locale. Sono quattro le strutture individuate nel territorio dell’Asl Napoli 3 Sud per la somministrazione dei vaccini anti Covid-19. Ogni equipe impegnata sui vaccini sarà composta da un medico, un infermiere, un operatore socio sanitario e un amministrativo, al lavoro con turni di mattina e pomeriggio. I primi vaccini verranno effettuati domani nei due centri di Nola e Castellammare di Stabia.

Il calendario

Successivamente, dal 2 gennaio, saranno operativi anche i centri periferici di Gragnano e Pollena Trocchia che serviranno, soprattutto, per le somministrazioni agli operatori sanitari territoriali. Complessivamente circa 10mila persone. Di queste, 4mila hanno già aderito alla campagna vaccinale. La prima a vaccinarsi domani nel territorio dell’Asl sara’ Rosa Lebano, infermiera del pronto soccorso dell’ospedale San Leonardo di Castellammare di Stabia. L’azienda sanitaria fa sapere che sono gia’ presenti e funzionanti cinque frigoriferi a -80 gradi, tre dei quali gia’ precedentemente in uso alle ginecologie, e due nuovi ipercongelatori per la campagna vaccinale Covid che andranno a Nola e Castellammare di Stabia.

La conservazione

I due frigoriferi, gli stessi che usa la Pfizer per la conservazione delle dosi, sono gia’ stati collaudati e sono pronti all’uso. Altri due frigoriferi, oltre i cinque gia’ presenti, arriveranno entro la prima decade di gennaio nei due centri di Gragnano e Pollena Trocchia, oltre a un terzo donato dal Cis all’ospedale di Nola. Si prevede di riuscire ad eseguire 6-8 vaccinazioni ogni ora nei punti di somministrazione e tre nelle residenze per anziani. Per la somministrazione nelle Rsa saranno presenti equipe formate da un medico e un infermiere.