Tentativi di truffe ai danni di anziani si registrano a San Giorgio a Cremano (Napoli) da parte di finti dipendenti della Asl e del Comune che si presentano a casa dicendo di dover compiere una indagine epidemiologica o, in altri casi, fingono di essere stati mandati da figli e nipoti lontani che hanno contratto il covid. Ma, in entrambi i casi, cercano di estorcere denaro ai malcapitati facendo leva sulla loro vulnerabilita’. A denunciarlo e’ il sindaco del comune vesuviano, Giorgio Zinno, che in un lungo post su facebook mette in guardia i concittadini. ”Avvisate i vostri cari di diffidare da chiunque si presenti alla porta di casa, perche’ nessuno compie questo tipo di indagine porta a porta, ne’ la Asl, ne’ tantomeno dipendenti comunali. Questo tipo di informazioni viene richiesto solo quando e’ strettamente necessario per effettuare ulteriori verifiche e i servizi strettamente di interesse comunale, telefonicamente ed esclusivamente dai seguenti numeri: 081 5654410 – 081 5654442 – 081 5654560. Inoltre anche coloro che compiono il servizio di ritiro della spazzatura presso le case dei cittadini positivi al covid, non entrano in casa di nessuno ma telefonano preventivamente alla persona interessata, chiedendo di conferire il sacchetto fuori all’appartamento per il ritiro, quindi non fatevi convincere ad aprire. Vi sono anche casi pero’ in cui ignoti si presentano alla porta, dicendo di essere amici di figli o nipoti residenti in un’altra citta’ e che questi hanno contratto il covid o sono addirittura ricoverati. Infondendo paura e sconforto, si fanno consegnare soldi con la scusa di doverglieli inviare per affrontare le cure”.

A seguito di alcune segnalazioni, il sindaco ha avvertito le forze dell’ordine ”Il consiglio resta sempre quello di denunciare questi episodi affinche’ Polizia di Stato, Carabinieri e Polizia Municipale possano intervenire tempestivamente” spiega ”Il modus operandi di questi farabutti senza scrupoli e’ ormai noto, ma purtroppo trova ancora terreno fertile tra le persone piu’ vulnerabili. Proteggiamo i nostri anziani e non cadiamo nella rete di questi truffatori, che non arretrano neanche davanti all’attuale situazione di emergenza e fragilita”’.