Solo nella giornata di ieri nelle scuole afferenti i 57 comuni dell’Asl Napoli 3 Sud sono stati 807 i tamponi effettuati sul personale scolastico docente e non docente in vista del ritorno in presenza dei bambini delle scuole dell’infanzia e delle prime elementari.A comunicarlo e’ l’ufficio stampa dell’azienda sanitaria, che in una nota informa come ”in ognuno dei tredici distretti sanitari aziendali e’ stato individuato un plesso scolastico come punto di riferimento per genitori e personale scolastico. Nello stesso luogo i tamponi sono stati effettuati da personale Usca dell’Asl in collaborazione con i pediatri di libera scelta (tra i pochi casi in Italia che vede una loro presenza attiva nella fase di somministrazione dei tamponi) e con i referenti Covid presenti nelle varie scuole”. Sono stati proprio i referenti Covid ad aver dato ”un contributo decisivo alla riuscita dell’organizzazione di un percorso di screening cosi’ complesso e da effettuare in tempi brevissimi”. La Napoli 3 Sud, con il supporto del servizio igiene degli alimenti e della nutrizione, e’ stata tra l’unica in Campania ad aver sviluppato un sistema a supporto dei drive-in presenti nei distretti sanitari.

”Un’efficace collaborazione con le istituzioni scolastiche – spiegano dall’Asl – con l’attivazione di un programma formativo per il personale referente di ottocento plessi scolastici, scelto dalle stesse scuole, attraverso una piattaforma contenente risposte semplici ed efficaci ai principali dubbi e domande in relazione all’epidemia”. Tra le attivita’ previste dal progetto, la diffusione di opuscoli informativi e l’uso dei canali social, con l’obiettivo non solo di un affiancamento continuo ai gruppi dei referenti scolastici, grazie anche all’attivazione di trenta gruppi whatsApp ognuno composto da 35 persone, ma anche di un maggiore coinvolgimento possibile dei genitori.