“Noi vediamo quello che succede nei pronto soccorso. Ho 8 ricoverati in subintensiva e 10 in intensiva per Covid”. Lo ha dichiarato Mariella Corvino, direttrice sanitaria dell’Ospedale del Mare di Napoli, intervenendo nella trasmissione “Babra e capelli” su Radio Crc Targato Italia. Al nosocomio napoletano Corvino denuncia che “la situazione degenera con persone di oltre 60 anni con altre patologie e abbiamo persone in attesa, sospetti e conclamati di Covid. L’eta’ media e’ di 53-54 anni oltre ai piu’ anziani con altre patologie. Il virus non risparmia nessuno”. Poi un messaggio ai giovani: “i ragazzi non si rendono conto che bisogna evitare feste e assembramenti, credono di poter affrontare il virus ma non e’ cosi’. Sono d’accordo con Zuccarelli, bisogna prendere decisioni. De Luca aveva ragione nel fare un lockdown”.

Sulle cause del contagio Corvino precisa che “la scuola non ha inciso ma e’ dovuto al fatto che i ragazzi spostandosi prendono i mezzi per arrivare a Napoli anche dalla provincia”. Sulla medicina territoriale ha detto: “deve fare la sua parte ma bisogna dar loro i mezzi” si unisce il problema che “vengono persone in pronto soccorso per qualsiasi motivazione, noi non abbiamo solo il Covid ma anche pazienti con altri sintomi”. Infine lancia appello ai cittadini: “quando vedo persone senza mascherina mi fa rabbia per quello che viviamo ogni giorno. Il virus esiste e dobbiamo combatterlo. L’unico modo per contrastarlo e’ indossare sempre la mascherina e poi ancora lavare le mani ed essere distanziati”.