“Nessun primario, medico, ne’ tantomeno il direttore sanitario della clinica Sanatrix, ha mai dato nessuna disposizione per fermare o ritardare alcun parto se non urgente. Siamo profondamente dispiaciuti per quanto accaduto ma occorre ristabilire la verita’ dei fatti per non aggiungere dolore ad altro dolore”. Lo sottolinea, in una nota, la direzione della clinica Sanatrix di Napoli. “Rispetto a quanto accaduto la notte scorsa – continua la nota – e’ doveroso precisare che la partoriente e’ stata sottoposta non solo a tampone per SARV-COV2 ma all’ingresso in pronto soccorso anche a test sierologico che in circa 10 minuti ha dato un risultato negativo. Tale protocollo e’ previsto proprio per poter gestire l’emergenze in attesa degli esiti del tampone molecolare che richiedono piu’ tempo”. “Con l’esito negativo del test sierologico sulla Signora, qualsiasi emergenza poteva essere gestita dai medici curanti, – spiega la direzione della Sanatrix – senza alcuna limitazione da parte del Primario o del Direttore Sanitario, non potendo mai immaginare di ritardare una urgenza medica o chirurgica. Sia il Primario del reparto di Ginecologia, sia il Direttore Sanitario, vista l’ora in cui si sono svolti i fatti, non erano presenti nella struttura ne’ tantomeno hanno impartito ordini ostativi al parto, visto che sono stati informati solo dopo l’evento, come e’ facilmente ricostruibile dal magistrato prontamente intervenuto”.

“Il personale medico, paramedico, infermieristico e di sicurezza della Clinica Sanatrix – viene evidenziato nel comunicato della nota clinica partenopea – sono ben consci dell’accaduto e pronti a ricostruire la verita’ dei fatti, smentendo l’inverosimile e fuorviante ricostruzione dei fatti apparse sui social. Ogni altra ricostruzione dei fatti e’ pura speculazione su una tragedia che non merita ulteriore dolore, se non altro per rispetto ad una famiglia la cui sofferenza non e’ neanche lontanamente immaginabile”. “La direzione della Clinica Sanatrix – conclude la nota – dichiara la piena fiducia nell’operato della magistratura, auspicando una rapida ricerca della verita’ che possa ristabilire la dignita’ professionale del Primario, delle ostetriche e degli altri operatori ingiustamente coinvolti”.