Si è costituito nella notte raccontando di essere stato lui a uccidere Simone Frascogna, 19 anni, studente di Casalnuovo accoltellato dopo una lite. Il ragazzo, da poco maggiorenne, come scrivono diversi quotidiani, ha gia’ reso un interrogatorio. Sono stati fermati altri due ragazzi, di cui uno minorenne, le cui posizioni sono al vaglio della procura di Nola e dei Minori. Determinati sono state le immagini della videosorveglianza che hanno ripreso l’auto guidata da Simone e quella del giovane reo confesso lampeggiare con i fari abbaglianti, come se volesse fermare la vettura della vittima, e poi Simone e l’amico 18enne pure ferito e tre persone litigare.

Simone Frascogna, il 19enne è stato ucciso in pieno centro a Casalnuovo la sera di martedi’, durante una lite iniziata per motivi di viabilità, e poi proseguita con calci e pugni finche’ Domenico Iossa, il 18enne che si è consegnato e ha confessato l’omicidio, non ha estratto il coltello e colpito Simone sette volte alle spalle. Iossa è ora accusato di omicidio volontario aggravato dai futili motivi e dalla crudelta’, oltre che di tentato omicidio ai danni dell’amico 18enne di Simone, ferito da altri due fendenti ma con solo 15 giorni di prognosi.