“Sarebbe da irresponsabili riaprire la scuola con questo scenario”. Lo scrivono in una lettera inviata al presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca, i 17 sindaci del comprensorio Agro-Aversano (Caserta), che da mesi hanno attivato un tavolo coordinamento, che si riunisce costantemente, per far fronte all’emergenza Covid sia sotto il profilo sanitario che socio-economico. Il coordinamento ha come capofila la citta’ di Aversa, e coinvolge tutti i comuni del suo hinterland, territorio della provincia di Caserta tradizionalmente molto complicato, che sta subendo duramente il colpo da questa pandemia, con migliaia di contagiati in totale, e centinaia in ognuno dei 17 comuni (Parete, Casal di Principe, San Marcellino, San Cipriano d’Aversa, Lusciano, Villa Di Briano, Casapesenna, Villa Literno, Sant’Arpino, Trentola Ducenta, Cesa, Casaluce, Carinaro, Teverola, Gricignano, Succivo); l’ultima riunione dei sindaci ha affrontato proprio il tema scuole. “E’ importante che i nostri ragazzi tornino in classe il prima possibile – scrivono i sindaci – sono evidenti i limiti della Dad (didattica a distanza, ndr) soprattutto tra i piu’ piccoli, ed essi si sommano ai disagi provocati dalle innegabili carenze tecnologiche ed infrastrutturali. Tuttavia, sono tante le criticita’ che al momento impediscono una serena ripresa delle attivita’ didattiche in presenza. In primo luogo il crescente livello dei contagi anche tra i bambini della fascia di eta’ 0-6 anni e in quella relativa al primo ciclo di istruzione, oltre che tra il personale della scuola, e tutto cio’ sebbene il ritmo di crescita sia stato mitigato dalla scelta saggia di disporre in Campania per tutti gli ordini di scuola la didattica a distanza.

C’e’ poi da considerare la completa inadeguatezza del sistema di medicina territoriale, che mostra di essere in palese affanno. Come gia’ sottolineato nella nota del 12 novembre 2020, i team anticovid e gli USCA (unita’ speciali di continuita’ assistenziale), di fatto esistono solo sulla carta, per cui appare inverosimile che possano realizzare uno screening su tutti gli operatori della scuola, i bambini e le loro famiglie. La somministrazione dei tamponi – proseguono gli amministratori locali – la loro lavorazione e la comunicazione degli esiti, sono oggettivamente assai rallentati con tutte le conseguenze che ne derivano. Il tracciamento dei contagi e’ ormai una chimera. Il servizio di pronto soccorso 118 sconta un sovraccarico di lavoro da cui derivano mancanza di tempestivita’ negli interventi che spesso si rivelano fatali per i malati. Il ricovero poi dei pazienti piu’ gravi e’ una vera e proprio odissea che diventa causa ulteriore di decessi di nostri conterranei. Per tutte queste ragioni esponiamo le nostre perplessita’ sul ritorno alla didattica in presenza a partire dal 24 novembre” concludono.