La messa di Natale è tutt’altro che scontata: «Il coprifuoco alle 22 vale anche per quella», ha detto Roberto Speranza alla trasmissione Di Martedì, nel corso della quale il ministro della Salute ha anche confermato che il governo è al lavoro per riaprire le scuole già a dicembre. Ancora nessuna conferma sul numero di persone ammesse al cenone/pranzo di Natale, che comunque sarà a numero chiuso. Sembra definitivo il “no” allo sci.

Sulla messa di Natale Speranza ha spiegato che «il messaggio è ridurre tutte le occasioni in cui il virus si può diffondere. Il coprifuoco dopo le 22 c’è anche per la messa. Una valutazione sarà comunque fatta nei prossimi giorni». È previsto per domani un incontro sul numero delle persone che potranno riunirsi a tavola per la cena e il pranzo di Natale. I posti a tavola, ha osservato il ministro, vanno «limitati agli affetti più stretti. Nelle prossime ore ragioneremo su questo».