Il Covid ha colpito duro sulla famiglia Rozza, residente da qualche a Massarosa in Toscana, ma originaria di Nola. Lunedì è morto Carmine, di 47 anni: la scorsa settimana il virus aveva ucciso il padre Felice, di 70 anni, e un’altra parente è ricoverata in condizioni serie, mentre un quarto congiunto, giovane, è positivo ma a casa. Il giovane non ha bisogno di cure, ma soffre del fatto si essere da solo, e per questo il Comune di Massarosa e il sindaco Alberto Coluccini stanno seguendo la situazione. Carmine Rozza lavorava come tecnico alla Magic Games di Bicchio, comune confinante con Massarosa.

Era ricoverato in terapia intensiva-rianimazione da 16 giorni e, pur non soffrendo di patologie croniche che aggravano il quadro clinico dei contagiati dal Coronavirus, non ha reagito alle terapie d’urto tentate all’Ospedale Versilia e ieri il suo fisico s’è arreso. Un dramma nel dramma di una famiglia devastata dalla pandemia.