“I dati che abbiamo oggi in Campania ci devono preoccupare. Percio’ ho detto che non c’e’ niente da festeggiare. Ci capiamo e la finiamo con la propensione alle sceneggiate. A Napoli citta’ 1.046 positivi, Giugliano 116, Arzano 24, Portici 57, Casoria 29, Pozzuoli 49, 109 positivi ad Aversa, Somma Vesuviana 50, Castellammare 48, Nola 57, Ercolano 48, Afragola 27, Torre del Greco 66 Salerno 56 Acerra 30 Marano 62, Marcianise 41, Ottaviano 50, Nocera Inferiore 29”. Lo ha riferito in una diretta social il presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca: “Occhi aperti senno’ andiamo in zona rossa se non tutti insieme facciamo sforzo per contenere contagio”.

E ancora: “In Campania è stato compiuto “un ennesimo miracolo”, ma occorre “fare attenzione perché rischiamo di avere addirittura un paradosso: di chiudere tutto a Natale e a Capodanno”. Così il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca, nel corso della diretta Facebook del venerdì. “Oggi, comprensibilmente, protesta chi è in zona rossa perché si sente bersagliato sul piano politico più che su quello del contagio, ma si rischia che chi oggi blocca tutto, probabilmente si troverà a riaprire tutto tra un mese e chi non è stato collocato lì, corre il rischio di dover chiudere tutto a Natale e Capodanno. Per questo – ha proseguito – dobbiamo essere ancora più attenti evitando comportamenti allegri, disinvolti e non responsabili”.