Antonella Patrone non ce l’ha fatta a sconfiggere il Covid. La donna lavorava all’ospedale Cardarelli di Napoli, nell’Alpi (Attività libero professionale intramoenia), e aveva appena 57 anni. Ed è finita così anche lei vittima del Covid, si era infettatata una settimana fa dopo un probabile contagio che aveva coinvolto il figlio. La donna, che viveva a Casoria, era sposata e lascia un figlio diciannovenne. Sui social, i colleghi l’hanno ricordata come persona solare, sempre sorridente e in prima linea per assistere chi aveva bisogno.Stimata e amata da tutti, aveva lavorato con sacrificio e abnegazione. Quando si è sentita male è stata ricoverata prima nella struttura Covid 3 del Cardarelli dove è rimasta per poche ore, per poi essere trasferita al Covid 1, dove è stata messa in ossigenoterapia con casco.

Ma le sue condizioni si sono aggravate nel giro di due giorni, al punto tale da finire subito in Rianimazione dove poi è morta a distanza di poche ore. Si tratta dell’ennesima vittima del coronavirus in Campania e sono 150 nei soli primi sette giorni di novembre, che continua a colpire anche persone non avanti con l’età e non affette da altre patologie.