Il sindaco di Salerno Vincenzo Napoli questa mattina si e’ recato sul lungomare cittadino chiuso da oggi, dopo un’ordinanza che dispone lo stop agli accessi anche della villa comunale per tutti i fine settimana fino al 3 dicembre. “Sembra bizzarro – spiega il sindaco Napoli – che non si possa passeggiare sul lungomare soprattutto in una giornata soleggiata come questa ma e’ necessario adottare questa misura. Purtroppo il dato dell’epidemia ci consiglia comportamenti severi e categorici. Abbiamo chiuso lungomare e villa comunale ma se serve chiuderemo altri luoghi, magari quelli deputati alla movida. Verificheremo stasera che succede e dopo, eventualmente, prenderemo altre decisioni. La spiaggia di Santa Teresa e’ famosa per la sua bellezza ma anche per gli assembramenti. Si verificano assembramenti da muro umano e in questo momento non possiamo permettercelo”.

Per Napoli “si registrano a Salerno dati relativamente rassicuranti ma la curva dei contagi si puo’ modificare in maniera catastrofica da un momento all’altro. Dall’1 al 3 novembre avevamo sei contagi, ieri ne registravamo 47. In pochi giorni sono aumentati in maniera esponenziale”. “Mi appello, ancora una volta, ai miei concittadini affinche’ adottino atteggiamenti responsabili. Cosi’ e’ stato in passato, per la maggior parte di loro, e cosi’ deve essere anche oggi. Senza la collaborazione di tutti non ci sara’ esercito che possa tenere sotto controllo tutto”. Sulle scelte, diverse adottate da altri sindaci, il primo cittadino ha detto: “Ognuno si prendera’ la responsabilita’ dei propri atti. Noi, intanto, facciamo l’impossibile per tenere sana Salerno”.