Aziende non regolari che, nonostante le prescrizioni, hanno continuato ad operare nella illegalita’. E’ quanto hanno accertato i carabinieri del Gruppo per la Tutela Ambientale di Napoli, con i dipendenti Noe di Napoli e Salerno, per alcune fabbriche che operano lungo il fiume Sarno e i torrenti Solofrana e Cavaiola. Per questo i militari stanno eseguendo da questa mattina due sequestri preventivi, uno ad Angri e uno a Scafati. Nel primo caso si tratta di un impianto di recupero rifiuti speciali pericolosi e non: il legale rappresentante della societa’ dovra’ rispondere dei reati di scarichi illeciti di reflui industriali, attivita’ di gestione di rifiuti non autorizzata e violazione alle prescrizioni imposte nel titolo autorizzativo Aua, sanzionati dal Testo Unico Ambientale.

A Scafati, invece, i carabinieri per la Tutela Ambientale, sono intervenuti in un’industria conserviera operante in via Orta Longa nel settore del trattamento e trasformazione di prodotti alimentari di origine animale e vegetale. Al termine delle verifiche sono state accertate plurime violazioni in merito allo stoccaggio in area non autorizzata di rifiuti speciali provenienti dal processo produttivo e costituiti da fanghi e scarti inutilizzabili per il consumo; nonche’ al recapito nel canale Fosso Bagni dei reflui provenienti dall’impianto di depurazione.