Non ce l’ha fatta Fabiana Izzo, naturopata, sportiva, madre di due figli. Il terribile male, un liposarcoma dei tessuti molli, che la stava divorando e che indusse un anno fa tutta la comunità vollese a organizzare per aiutarla una “Domenica per la vita” se l’è portata via. E ora Volla e quanti – tanti – l’hanno conosciuta, la piange perché quel male non perdona. Sono tanti i messaggi di cordoglio che si stanno affollando sulle pagine Facebook: “Oggi, Castello di Cisterna piange Fabiana Izzo. Una donna, e madre, forte, determinata che ha lottato fino alla fine contro un male incurabile. La cosa bella di Fabiana era il suo sorriso, un sorriso che non ha mai lasciato il suo viso anche quando si è trovata a combattere la battaglia più dura. È il momento del dolore e della preghiera. Ci stringiamo intorno alla famiglia in un unico e grande abbraccio. Fabiana continuerà a vivere attraverso di voi”.

Il 10 novembre dell’anno scorso, per fu indetta per lei una intera giornata di solidarietà che fece mobilitare tutto il paese per raccogliere fondi che avrebbero dovuto consentirle le cure costosissime alle quali affidarsi. Indomita, la dottoressa di Volla aveva creato anche una pagina Facebook, per raccogliere fondi per potersi curare. «Stiamo effettuando la mappatura dei tumori sul nostro territorio – scrisse – Ho creato una nuova pagina Help.sarcomi. Ho donato il mio sarcoma all’istituto di Boston in collaborazione con il Pascale e la Federico II di Napoli, affinché si possa fare la strada a tutti coloro che hanno un sarcoma. Affido nelle mani di Dio questa ricerca, solo Lui fa la via, dove via non c’è!». Il suo era un tumore raro, scoperto la prima volta al seno, operata, poi di nuovo operata, ma il male non si è mai arrestato.