L’ospedale “Agostino Landolfi” di Solofra (Avellino) ospiterà 40 posti letto dedicati ai pazienti Covid. E’ quanto deciso nel corso dell’incontro, svolto in videoconferenza, organizzato dal prefetto di Avellino Paola Spena, che ha visto la partecipazione del viceprefetto, Franca Fico, di Michele Vignola, Girolamo Giaquinto e Vito Pelosi, rispettivamente sindaci dei comuni di Solofra, Montoro e Serino, del direttore generale dell’Azienda Ospedaliera “San Giuseppe Moscati” di Avellino, Renato Pizzuti, e del direttore sanitario, Rosario Lanzetta. Argomento del confronto la realizzazione di un’area da dedicare ai pazienti positivi al coronavirus all’interno del plesso ospedaliero Landolfi di Solofra.

A fronte delle perplessità manifestate dagli amministratori della Valle dell’Irno, la Direzione strategica del Moscati ha spiegato le difficoltà a individuare valide alternative, pure valutate, per arrivare a raggiungere, nei tempi brevi dettati dall’incalzante emergenza, il numero di 103 posti letto Covid indicato dall’Unità di Crisi della Regione Campania. Pertanto, ha comunicato sia al prefetto, che si è fatto carico della vicenda coordinando il confronto tra le parti, che ai sindaci la decisione di procedere con una rimodulazione delle attività assistenziali nel plesso Landolfi.

A breve quindi partira’ una rimodulazione delle attivita’ di assistenza e tra qualche giorno saranno gia’ disponibili 40 posti letto dell’ospedale di Solofra per pazienti positivi al Coronavirus ma meno complessi. Il personale medico e infermieristico di Chirurgia generale, Pediatria e Ginecologia sara’ trasferito all’ospedale di Avellino almeno per il periodo di emergenza. Nell’area Covid del Landolfi saranno in servizio i dirigenti medici e gli infermieri di Medicina generale ai quali si aggiungeranno 3 medici specialisti messi a disposizione dalla Protezione Civile Nazionale, 4 assunti con contratti di collaborazione, e alcuni medici specialisti del Moscati di Avellino.

A Solofra rimarranno ancora operative le attivita’ di Radiologia, Laboratorio Analisi, Farmacia, Dialisi e il Servizio Psichiatrico di Diagnosi e Cura dell’Asl Avellino. E intanto a Solofra, su alcune cantonate sono apparsi manifesti di lutto nei quali si annuncia dopo 139 anni la scomparsa dell’ospedale Landolfi, con i funerali fissati per il 25 ottobre prossimo. Un manifesto che si conclude laconicamente con la dispensa dalle “lacrime di coccodrillo”.