«Dai controlli effettuati un dipendente comunale è risultato positivo al Covid, si tratta di un caso maturato al di fuori dell’ambiente municipale. Io però ho ordinato la chiusura di tutti gli edifici comunali e l’immediata sanificazione di tutti gli ambienti. Oggi dunque a Somma Vesuviana chiusura di tutti gli edifici comunali con sanificazione. Ho ordinato anche la chiusura per 5 giorni dell’Asl in quanto ci sarebbero casi sui quali sono in corso approfondimenti». Così Salvatore Di Sarno, sindaco di Somma Vesuviana. «Al momento siamo passati dallo scorso fine settimana che aveva fatto registrare 36 positivi in due giorni ai 14 positivi di questo fine settimana. Venerdì avevamo un nuovo positivo, poi nella serata di ieri è giunta la notizia di altri 13 positivi – continua il primo cittadino – Il rigoroso rispetto delle norme adottate 10 giorni fa, mascherina all’aria aperta sempre, chiusura precauzionale delle scuole per limitare i contagi extrascolastici starebbe iniziando a funzionare».

Il sindaco continua: «È importante sottolineare che tra i positivi registrati a Somma Vesuviana abbiamo giovani di 15 – 16 anni. Dunque l’appello è rivolto ai genitori e a voi ragazzi: rispettate le norme con mascherina all’aria aperta, igienizzazione delle mani e distanziamento. I controlli non mancano ma i 15 vigili urbani sono pochi». Di Sarno ha riorganizzato tutta la macchina dell’assistenza a domicilio soprattutto per gli anziani. «A dire il vero la macchina dell’accoglienza non si è mai fermata – ha concluso il sindaco – e tutte le associazioni di protezione civile, sono disponibili ad aiutare la popolazione affetta da Covid, che ha bisogno di ritirare farmaci e/o generi di prima necessità, ma anche gli anziani che non possono uscire di casa. Dalla prossima settimana sarà disponibile anche la Croce Rossa. A loro il mio pieno apprezzamento».