«Chiedo scusa a tutti, ho fatto una stupidaggine, mi dispiace davvero moltissimo», sono queste le parole del bidello dell’Istituto Caravaggio di San Gennaro Vesuviano autore della misurazione della febbre degli alunni a mano. Le ha riferite “Il Mattino” che ha parlato con il dirigente scolastico della scuola. «Sono intervenuto a stigmatizzare il gesto del bidello appena l’ho saputo. Ovviamente è stata una iniziativa autonoma, del tutto autoreferenziale e priva di logica: la scuola non c’entra niente, il protocollo covid funziona regolarmente e viene applicato in maniera rigorosa», dice Carmine Strocchia. E sui termoscanner aggiunge: «Ce n’erano due, tutti funzionanti. Non è vero che si è voluto sostituire al termometro, ha commesso un errore e basta». Per il bidello adesso scatta l’indagine disciplinare.