Notte in auto per centinaia di persone in fila davanti ad una sede dell’ASL Napoli 1 per sottoporsi al tampone per il Covid-19. Le persone in fila, in attesa dell’apertura della struttura, si autogestiscono inserendo nome e numero di ordine di arrivo su fogli attaccati al cancello d’ingresso. ”Sono qui dall’una di notte – racconta un uomo accompagnato dalla moglie uscito dall’auto per fumare una sigaretta – ed ho il numero 62 e quando sono arrivato qui c’era gia’ traffico “. La struttura allestita da giorni nel parco dell’ex ospedale psichiatrico ‘ Frullone’ garantisce mille test al giorno a chi e’ inserito dal proprio medico curante sulla piattaforma informatica regionale ma anche a chi, comunque residente a Napoli, chiede di essere sottoposto al tampone ritenendo di avere sintomi o di essere stato in contatto con persone infettate. Alle sei, quando sulla collina della zona ospadaliera e’ ancora buio, le persone segnate sui fogli all’ingresso sono gia’ piu’ di 300 e quando alle 8 ai apre lo sportello per la distribuzione dei numeri, nonostante i continui appelli al megafono da parte delle guardie giurate di mantenere le distanze, ressa ed assembramenti appaiono inevitabili.