Dieci scuole chiuse con l’attivazione della didattica a distanza a Somma Vesuviana. A deciderlo è il sindaco di Somma Vesuviana, Salvatore Di Sarno, dopo avere monitorato la situazione dei contagi in città ed essersi confrontato con i dirigenti scolastici. Parte da subito la Dad nei plessi “San Giovanni Bosco Summa Villa”, l’Aldo Moro, il De Matha, Santa Maria del Pozzo, Via Bosco, il Plesso Capoluogo, il Gino Auriemma, Mercato Vecchio San Giovanni De Matha e il De Lieto.

Il primo cittadino ha inoltre chiesto più controlli: «Ho scritto al Prefetto di Napoli chiedendo un potenziamento delle Forze dell’Ordine sul territorio al fine di rafforzare i controlli. Chiedo a tutti i cittadini un grande senso di responsabilità. Abbiamo avuto un’impennata di casi, con questi atteggiamenti si rischia non solo di mettere in pericolo la salute delle persone ma anche l’economia già duramente provata. Indossiamo la mascherina, siamo responsabili».