Il divieto di mobilità interprovinciale, non si applica per i cittadini abitualmente residenti o domiciliati in altre regioni, né al transito necessario allo spostamento dei cittadini campani verso altre regioni italiane o straniere. E’ il chiarimento dell’Unità di crisi della regione Campania dopo l’ordinanza firmata dal governatore Vincenzo De Luca che vieta lo spostamento tra le province dei cittadini campani.

“Nelle attività di ‘formazione’ che legittimano gli spostamenti, sono inclusi l’attività formativa, di training, nonché gli allenamenti connessi ad impegni correlati a competizioni consentite dalle disposizioni vigenti. Ogni specifico motivo dello spostamento dovrà essere autocertificato sotto responsabilità personale dell’interessato o, in caso di minori, dell’accompagnatore maggiorenne” si legge nella nota. Infine, l’unità di crisi ricorda che la misura adottata “è finalizzata ad impedire la diffusione del virus da aree a maggiore intensità di contagio ad aree della regione nelle quali ad oggi la situazione è di minore gravità”.