Sono 61 i cittadini stabiesi che hanno contratto l’infezione e sono tuttora alle prese con il virus, tornato prepotentemente a diffondersi in città. Complici il focolaio de La Sonrisa nel vicino Comune di Sant’Antonio Abate, i numerosi rientri dall’estero e alcune cerimonie celebrate in totale spregio alle disposizioni anti-Covid. Ad una di queste, di recente, avrebbero preso parte alcuni esponenti del clan D’Alessandro, che attualmente si trovano tutti in isolamento a seguito della positività al Covid riscontrata ad alcuni presenti alla festa. Sono 4 le famiglie isolate nel quartiere Scanzano, in cui le sirene delle ambulanze cadenzano il ritmo delle giornate in uno scenario spettrale. Ed un esponente della famiglia D’Alessandro durante la scorsa notte è stato prelevato da casa e ricoverato all’ospedale Covid di Boscotrecase con una grave polmonite. L’ipotesi di una zona rossa, tuttavia, al momento non è in programma. Ma a Castellammare la preoccupazione è tanta per l’evoluzione del contagio, che nelle ultime due settimane ha coinvolto 37 persone.