Una petizione per dire basta alla tassa sui rifiuti più alta d’Europa. Nei giorni scorsi, a Palma Campania, un gruppo spontaneo di cittadini ha creato una raccolta firme per chiedere all’amministrazione comunale di attivarsi per ridurre la Tari. Bollette di svariate centinaia di euro sono arrivate nelle case dei palmesi. Si stima che rispetto al 2019 l’aumento sia stato di quasi il 20%, colpa del costo per lo smaltimento dell’umido che si è triplicato nell’ultimo anno. I moduli per firmare la petizione sono reperibili nei bar della città e nei barbieri oppure si può firmare attraverso il link change.org/riduzionetaripalma e aderire all’iniziativa.

L’amministrazione Donnarumma aveva già sensibilizzato sul tema i propri concittadini ed aveva messo in campo una soluzione al problema con la creazione di un mini impianto Green per lo smaltimento dell’umido che andrebbe (secondo le stime) a ridurre di quasi il 50% l’attuale costo della bolletta. Al momento la decisione sull’impianto è al vaglio di una commissione di esperti che dovrebbe esprimere il parere a riguardo. Nel frattempo i cittadini non possono più vivere con una pressione fiscale così pressante e hanno deciso di far sentire la propria voce